LA POSTA DEI SOCI

Cari Soci,

vi aspettiamo in questa pagina

Scriveteci !

penna

 

APPUNTI DI VIAGGIO

cartoline dal Marocco:

 

 

 

A j’amis lontan

Sente ant ël cheur l’anvìa ’d bin a fà alvé col grand sentiment che minca un miraco as ten ant ël creus, stërmà e silensios, ma ch’a veul trové na filura për podèisse spantié.


Aria ’d Natal (2017)

Aria ’d festa as respira a l’anviron

combin che ’l ginich, tòst as fasa sente

ant j’òss ëd la gent ch’a cor dësgenà

sota ai pòrti ’d nòstre bele sità.

Bel e grassios a l’é serché ’n cadò

për chi ch’a në stà a cheur con amor,

tant com ch’a l’han fàit ij sempi bërgé

portandse a la caban-a dël Bambin.

A l’é bon da capì che le masnà

a susto, a stanto bele dësmore

për amusesse con la fantasìa,

com ch’as dovrìa savèj che ij grand

a l’avrìo da manca ’d pura bin

tant da arsèive come da spantié

con granda gòj për le contrà dël mond.

Sentire nel cuore il desiderio di bene fa elevare quel grande sentimento che ognuno forse si tiene nel profondo, nascosto e silenzioso, ma che vuole trovare una fessura per potersi spargere.


Aria di Natale (2017)

Aria di festa si respira nei dintorni

sebbene il freddo, tosto si faccia sentire

nelle ossa della gente che corre disinvolta

sotto ai portici delle nostre belle città.

Bello e grazioso è il cercare un dono

per chi ci sta a cuore con amore,

tanto come hanno fatto i semplici pastori

portandosi alla capanna del Bambin Gesù.

È facile da capire che i bambini

desiderano, attendono bei balocchi

per sollazzarsi con la fantasia,

come si dovrebbe sapere che gli adulti

avrebbero bisogno di puro bene

tanto da ricevere come da spargere

con grande gioia per le contrade del mondo.


 

 

 

Auguri e boneur a tuti da Carlin Pòrta e famija

A-i rivrà la Pas?

Neuve grame e brute as levo ’nt l’aria
an costi temp burios dël di d’ancheuj,
guère crue, arvire corme ’d sangh
a marco minca di le preus violente.

La mòrt ch’a fà babòja daré dl’uss
a sbaruva la gent ch’a fà scapé,
la sòrt ch’a-j toca a l’é për nen sicura
e la tribulassion l’é lì dapé.

Buria con bòria a fan d’afé scaros
e pòvra gent a tomba ’n man d’arlòt
corm borà ’d gramissia e sensa cossiensa.

TI ch’it sas bin còs l’é ’l patiment dur,
buta toa man drinta a minca cheur
përtant che Pas a vagna prepotensa.


Arriverà la Pace?

Notizie cattive e brutte si levano nell’aria
in questi tempi burrascosi d’oggidì,
guerre efferate, rivolte colme di sangue
segnano ognigiorno le porche violenti.

La morte che fa capolino dietro l’uscio
sbigottisce la gente che fa fuggire,
la sorte che gli tocca non è per nulla sicura
e la tribolazione gli è rasente.

Fango con boria fanno faccende laide
e povera gente cade in mani d’arlotti
colmi calcati di cattiveria e senza coscienza.

TU che sai bene cos’è il patimento duro,
metti la tua mano dentro ad ogni cuore
pertanto che la Pace superi la prepotenza.